Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 giorni fa Natività di S. Giovanni

Date rapide

Oggi: 24 giugno

Ieri: 23 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Vino d'Autore - Il Magazine del VinoVino d'Autore Costiera Amalfitana

Il Magazine del Vino

Hotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - GourmetAmalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Vino d'Autore

Hotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - GourmetAmalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: Vino e Gastronomia"CANTINE D'ITALIA 2021" - La Guida per l’Enoturista

Vino e Gastronomia

È uscita a dicembre la nuova edizione della Guida di Go Wine

"CANTINE D'ITALIA 2021" - La Guida per l’Enoturista

Curata da Go Wine si trova in libreria e a disposizione dei soci - L’evento di presentazione si terrà a Bologna nelle prossime settimane

Scritto da (Massimiliano D'Uva), mercoledì 13 gennaio 2021 18:10:22

Ultimo aggiornamento mercoledì 13 gennaio 2021 18:20:22

La Guida Cantine d'Italia 2021, edita dall'associazione Go Wine e nata da un'idea di Massimo Corrado, è uscita ufficialmente lo scorso dicembre chiudendo un anno straordinario per l'Italia caratterizzato dal Coronavirus. Per la prima volta quest'anno la Guida vede differire l'evento ufficiale di presentazione, arrivando intanto in libreria e ai soci Go Wine. La data dell'evento ufficiale non è ancora stata definita, mentre sarà Bologna ad ospitare l'evento nel corso delle prossime settimane.

La redazione Go Wine cura la redazione di tutto il volume e del repertorio delle cantine selezionate, con i contributi e le segnalazioni di giornalisti e delegati Go Wine in Italia.

Le cantine presenti nell'edizione 2021 sono 790, tutte scelte in base all'esperienza diretta. Per ogni cantina una pagina ricca di notizie: dall'anagrafica aziendale ai dati sulla produzione, ai referenti interni dacontattare; dai giorni e gli orari di visita alle informazioni stradali; dal racconto delle suggestioni che la cantina e il suo contesto offrono al visitatore a una serie di utili appunti sui vini aziendali con indicazione del vino top e degli altri vini da conoscere.

Ogni cantina è presentata attraverso una valutazione in stelle (su scala 5), suddivisa nei tre aspetti che sono ritenuti rilevanti dalla Guida: il sito, l'accoglienza e i vini.

Si tratta dei tre fattori su cui si compone la presentazione delle singole cantine e su cui si definisce una loro valutazione.

Sito: luogo ove si trova la cantina, guardando anche alla cantina medesima dal punto di vista architettonico; ma anche sito come patrimonio di vigneti complessivo di cui dispone la cantina.

Accoglienza: la vocazione della cantina verso una parallela attività, sia per attività come agriturismo, B&B o ristorazione, sia per iniziative culturali che denotano un atteggiamento di "apertura" della cantina verso il mondo esterno.

Vino: il profilo produttivo dell'azienda valutato nel tempo, al di là dell'exploit di una singola vendemmia; dunque anche tenendo conto del carattere della produzione, della eccellenza di alcune etichette, di una particolare cura verso specifiche tipologie di vini.

 

Inalterato è sempre lo spirito dell'opera: spingere l'appassionato a viaggiare per conoscere il fascino del territorio del vino italiano attraverso il racconto di molti suoi interpreti d'elezione.

Una Guida pensata per i turisti del vino, che racconta e scrive di vino partendo dalla "Cantina".

Ovvero la Cantina come luogo dove uomini e donne del vino operano e progettano il loro lavoro, dove sono portatori di storie e tradizioni familiari, oppure di più recenti investimenti.

La Cantina che, nel corso degli anni, è diventata a pieno titolo un luogo di promozione del territorio, perché invita al viaggio e comunica con la sua realtà un'identità territoriale fatta di tutto quanto ruota attorno: il paesaggio, i vigneti, la tradizione del luogo, i borghi.

Il prodotto editoriale realizzato privilegia il tema della narrazione perché raccontando la cantina, racconta le vicende che stanno attorno al vino e aiutano meglio a comprendere il profilo di ogni realtà.

Una Guida che pertanto non vuole rivolgersi soltanto ai "super appassionati", ma che desidera essere un'occasione per creare cultura a favore del vino e dei suoi territori. E per far riflettere sull'importante ruolo che la viticoltura italiana sta svolgendo a favore della bellezza e della valorizzazione di tanti territori.

Cantine d'Italia 2021 si presenta con una copertina rinnovata, 790 cantine selezionate, 235 "Impronte d'eccellenza" per l'Enoturismo, oltre 4.350 vini segnalati, circa 1.500 indirizzi utili per mangiare e dormire.

Il volume si apre con due interventi introduttivi a cura di Antonio Paolini (giornalista) e Vincenzo Gerbi (titolare del corso di Enologia nel corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia dell'Università di Torino), trattando rispettivamente di storytelling e comunicazione (Paolini) e di vini da vitigni autoctoni e storici (Gerbi).

Sempre all'insegna del tema del racconto, il volume si apre con nove interviste a uomini e donne del vino, esponenti di cantine selezionate in Guida. Si tratta di: Remo Falconieri, Cieck (Piemonte), FrancescoMoser, Moser (Trentino), Ornella Molon Traverso, Ornella Molon (Veneto), Stefano Pizzamiglio, La Tosa (Emilia Romagna), MiriamCaporali, Valdipiatta (Toscana), Antonio Patricelli, Collefrisio (Abruzzo), Paolo Mastroberardino, Terredora (Campania), Demetrio Stancati, Serracavallo (Calabria), Marco NicolosiAsmundo, Barone di Villagrande (Sicilia).

 

Nella speciale classifica per regioni che ogni anno si aggiorna, si conferma ai vertici la Toscana con 48 impronte, seguita da Piemonte (43) e Veneto (34).

Sono 15 le Cantine che raggiungono il vertice delle "Tre Impronte Go Wine":

Badia a Coltibuono (Toscana);Bellavista (Lombardia);Ca' del Bosco (Lombardia);Capezzana (Toscana); Castello

Vicchiomaggio (Toscana); Ceretto (Piemonte); Donnafugata (Sicilia);Feudi di San Gregorio (Campania); Ferrari (Trentino); Florio (Sicilia); Fontanafredda (Piemonte); Lungarotti (Umbria);Malvirà (Piemonte);Masciarelli (Abruzzo); Planeta (Sicilia).

Per la seconda edizione consecutiva, la Guida presenta i "Percorsi Autoctoni": con il simbolo dell'acino in carrozzina viene segnalato un numero significativo di cantine che hanno condotto nel recente periodo un lavoro di ricerca e attenzione a favore dei vitigni autoctoni, con un occhio di riguardo da parte della Guida verso quelli rari o comunque meno conosciuti. Il simbolo va infatti ad evidenziare un'altra caratteristica del volume: quella di dare voce, attraverso la narrazione di tanti vignaioli, anche del loro impegno a favore della viticoltura di territorio. La selezione che si ricava rappresenta un panorama davvero straordinario di vitigni e di vini.

La Guida assegna inoltre 7"Premi Speciali": intendono sottolineare alcuni temi della Guida e attribuire riconoscimenti a cantine che hanno raggiunto particolari eccellenze su tali temi.

Ecco la sequenza dei premi speciale di Cantine d'Italia 2021:

Premio "Alto Confort" per il Relais aziendale dell'anno:

Locanda La Raia - LA RAIA (Gavi, Piemonte);

Premio "Cantine Golose" per la Tavola aziendale dell'anno:

Opera02 - CA' MONTANARI (Castelvetro di Modena, Emilia Romagna);

Premio "Cantine Meravigliose" per l'EnoArchitettura dell'anno:

D'ARAPRÌ (San Severo, Puglia);

Premio Enocultura:

Museo del Vino - ZENI FRATELLI (Bardolino, Veneto);

Premio "Autoctono si nasce":

Montefalco Sagrantino 25 Anni - ARNALDO CAPRAI (Montefalco - Umbria);

Premio "Buono...non lo conoscevo!":

Ormeasco di Pornassio Superiore - TENUTA MAFFONE (Pieve di Teco, Liguria);

Premio "Vini Storici d'Italia":

Falerno del Massico Vigna Camarato - VILLA MATILDE (Cellole, Campania).

Galleria Fotografica

rank:

Vino e Gastronomia

Vino e Gastronomia

La Campania del vino unisce le sue forze: a settembre la nuova edizione di Campania Stories

La Campania del vino unisce le sue forze per supportare il settore. La promozione del vino campano nel mondo non si ferma, continuando l'importante operazione di valorizzazione nazionale e internazionale attraverso "Campania Stories", evento dedicato alla stampa specializzata riunita ogni anno sul territorio...

Vino e Gastronomia

Da oggi “Un bellissimo novembre” è anche Etna rosso DOC, Al-Cantàra omaggia Ercole Patti

Dopo Martoglio, Pirandello, Micio Tempio e Giovanni Meli è Ercole Patti lo scrittore siciliano al quale Pucci Giuffrida, fondatore dell'azienda vinicola Al-Cantàra, dedica un vino dalla profonda, vivace ed estroversa anima vulcanica. E' un Etna Rosso DOC (annata 2016), prodotto da uve di nerello mascalese...

Vino e Gastronomia

Capitale Europe del Vino 2019, nasce il brand "Nero Falanghina": binomio Cacao/Vino a zero

Cacao e vino, un binomio vincente che da sempre ispira le fantasie dei gourmet e che da oggi esalta anche il sapore della Falanghina, valorizzando una vera e propria eccellenza del territorio. Dalla collaborazione tra Amnesia di Anna Franco, imprenditrice del cioccolato artigianale, ed il Comune di Guardia...

Vino e Gastronomia

Tenuta Riccardi Toscanelli presenta “CUORE PERDUTO” il suo vino rosso

"Elisa Toscanelli, la signora della vigna, perse il ciondolo a forma di cuore, regalatole dal suo amato. Non fu più ritrovato. Si narra che sia finito in un tino e che possa trovarsi in una bottiglia di vino. Per questa ragione nasce "Cuore Perduto". Il fascino di una storia riportata in un'antica pergamena,...

Vigne Irpine a Santa Paolina i grandi vini della provincia di Avellino