Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 giorni fa S. Sebastiano martire

Date rapide

Oggi: 20 gennaio

Ieri: 19 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Vino d'Autore - Il Magazine del VinoVino d'Autore Costiera Amalfitana

Il Magazine del Vino

Vino d'Autore

Tu sei qui: News e attualitàGrappa d’estate: le “istruzioni” per degustarla al meglio

News e attualità

Una analisi dell’Istituto di Tutela Grappa del Trentino ha messo in evidenza il dato

Grappa d’estate: le “istruzioni” per degustarla al meglio

Il consumo di grappa è cambiato molto negli ultimi anni: non solo uomini, ma anche donne e giovani hanno contribuito alla crescita di richieste. Promozione e guida a una corretta degustazione sono i punti di forza per ampliare la conoscenza a uno dei prodotti simboli

Scritto da (admin), mercoledì 17 luglio 2019 12:51:19

Ultimo aggiornamento mercoledì 17 luglio 2019 12:51:19

Chi ha detto che una buona grappa non si può bere anche d'estate? E' quanto emerge da una analisi sui consumi che l'Istituto di Tutela Grappa del Trentino ha portato avanti per capire in che direzione vanno le tendenze dei consumatori del distillato italiano per eccellenza. Se la grappa fino ad oggi è stata sinonimo di bevanda da camino acceso in fredde giornate, i consumatori più attenti possono smentire la credenza e affermare che non soltanto si può bere grappa anche in estate, pur in una corretta maniera, ma addirittura c'è chi osa nel proporre cocktail a base di acquavite. «Ci sono tante sfumature e modalità di degustazione che fanno delle nostre grappe un prodotto per tutte le occasioni, anche in estate - afferma il presidente dell'Istituto, Mirko Scarabello - e non solo in montagna, oggi possiamo dire che i nostri distillati sono consumati in estate in tutto il Paese, grazie a una preparazione e conoscenza più accurate da parte del consumatore finale».

 

Grappa d'estate: il vademecum per il consumatore. Grappa con ghiaccio? Sbagliato. Il ghiaccio, quindi un'aggiunta di componente acquosa, rovinerebbe l'intensità, i profumi e il gusto del distillato. Tuttavia alcune grappe, soprattutto quelle più giovani, morbide e aromatiche, possono essere consumate nei mesi estivi ad una temperatura leggermente più fresca rispetto a quella ambiente. Questo permette di non far prevalere l'alcol, che con il caldo tende a farsi sentire in maniera preponderante, di mantenere i profumi del distillato e di goderne tutte le sue caratteristiche organolettiche. Ad avvalorare questa tesi anche l'indagine di mercato compiuta dall'istituto Talos-Am per conto dell'Istituto di Tutela Grappa del Trentino, dalla quale si evince che se prima il consumo di grappa era soprattutto legato alla fine dei pasti come digestivo o "ammazza caffè", oggi la grappa viene scelta anche per accompagnare conversazioni dopo cena o nei locali di tendenza e non necessariamente nei periodi invernali.

 

L'identikit del consumatore. Secondo i dati dell'Istituto, almeno il 30% degli italiani consumerebbe grappa in maniera regolare. Un dato importante e soprattutto con un grande potenziale visto che secondo lo studio oltre il 75% degli italiani conosce l'acquavite. In generale piace la tradizionale grappa bianca morbida, ma la tendenza degli ultimi anni ha fatto sì che anche le grappe invecchiate siano apprezzate da un gran numero sempre maggiore di consumatori. Non solo uomini, ma anche donne (sempre di più negli ultimi anni) e giovani che al posto dei soliti super alcolici cominciano ad apprezzare i distillati di qualità quali le grappe. Tra i motivi principali che spingono a bere grappa il gusto di questo prodotto, ma anche il retrogusto persistente delle grappe più invecchiate.

 

Il valore aggiunto del marchio Trentino Grappa. Territorio. Tempestività. Tradizione. Tutela. Sono le 4 "T" che sintetizzano la ricetta per una grappa di qualità. La ricetta è scritta nel disciplinare di produzione delle grappe marchiate con il Tridente. Si potrebbe dire l'unica "Docg" dei distillati in Italia. A garantire questa qualità è la messa in atto del disciplinare dell'Istituto di Tutela Grappa del Trentino.

 

L'Istituto di Tutela della Grappa del Trentino è nato nel 1965 con l'obiettivo di tutelare e promuovere il prodotto. Oggi conta 25 soci dei quali 22 sono distillatori e rappresentano la quasi totalità della produzione trentina ed ha il compito di valorizzare la produzione tipica della Grappa ottenuta esclusivamente da vinacce prodotte in Trentino e di qualificarla con un apposito marchio d'origine: il tridente con la scritta "Trentino Grappa". Quello della grappa in Trentino è un settore di non piccolo conto, soprattutto se calato nell'economia locale. Ogni anno vengono prodotti in Trentino circa 10 mila ettanidri di grappa (circa il 10% del totale nazionale) vale a dire circa 4 milioni di bottiglie equivalenti (da 70 centilitri) distillando 15 mila tonnellate di vinaccia. Tre le tipologie principali di grappa prodotta: quella da uve aromatiche (30% del totale), quella destinata all'invecchiamento (circa il 45%) e quella da vinacce miste (circa il 25% della produzione). Il fatturato medio annuo che la grappa genera in Trentino è calcolato intorno ai 15milioni di euro per l'imbottigliato e 2 milioni di euro per quanto riguarda la materia prima.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Vino d'Autore!

Galleria Fotografica

rank:

News e attualità

News e attualità

Montefalco Sagrantino Docg importanti novità per la valutazione dell'annata 2016

MONTEFALCO (PERUGIA) - Importanti novità per la valutazione della nuova annata di Montefalco Sagrantino Docg. In vista della presentazione alla stampa ed agli operatori della vendemmia 2016 in occasione di Anteprima Sagrantino - in programma il 24 e 25 febbraio prossimi a Montefalco(Perugia) - il Consorzio...

News e attualità

Enoturismo: da MTV Toscana un plauso alla Regione per la prima legge

La Toscana è la prima regione italiana ad avere una legge quadro sull'enoturismo. Il Movimento Turismo del Vino Toscana accoglie con grande entusiasmo questo provvedimento che ancora una volta va a rimarcare l'importanza di questo settore in Toscana. «Una legge che rafforza ancora di più quanto già avevamo...

News e attualità

“Cantine Aperte a Natale”: i produttori “tutor” del vino di Natale. In cantina con tutta la famiglia per scegliere i vini per i menu delle feste

Torna per tutto il mese di dicembre, nelle cantine del Movimento Turismo del Vino Toscana, l'appuntamento con Cantine Aperte a Natale, il format che porta nel periodo natalizio, a partire dalla festa dell'Immacolata e per tutto il mese, i tanti wine lovers alla scoperta dei vini delle feste. Un'occasione...

News e attualità

Christmas Wine Fest: la magia del Natale a Taurasi, il borgo del re dei vini

Tutti i weekend dal 6 al 22 Dicembre si svolgerà a Taurasi il primo ed unico evento natalizio dedicato al mondo del vino: il "Christmas Wine Fest". Non a caso esso si tiene nel borgo cinquecentesco di Taurasi dal quale prende il nome uno dei vini italiani più celebri, riconosciuto a livello mondiale....

Vigne Irpine a Santa Paolina i grandi vini della provincia di Avellino