Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 10 giorni fa B. Amedeo di Savoia

Date rapide

Oggi: 30 marzo

Ieri: 29 marzo

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Vino d'Autore - Il Magazine del VinoVino d'Autore Costiera Amalfitana

Il Magazine del Vino

Vino d'Autore

Tu sei qui: News e attualitàAccordo Pechino-Bruxelles: Il Vino Nobile di Montepulciano è tra i 14 vini

News e attualità

Tra i vini italiani che rientrano nell’accordo di protezione c’è anche la prima Docg nazionale, dal 12 al 14 novembre il Consorzio sarà protagonista di Prowein Shanghai

Accordo Pechino-Bruxelles: Il Vino Nobile di Montepulciano è tra i 14 vini

Il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano da anni è impegnato nella registrazione dei marchi e nella promozione nei cosiddetti Paesi Terzi. Andrea Rossi (presidente Consorzio): «Occorre essere uniti per difendere e promuovere la denominazione a livello internazionale».

Scritto da (admin), venerdì 8 novembre 2019 12:08:44

Ultimo aggiornamento venerdì 8 novembre 2019 12:08:44

Il Vino Nobile di Montepulciano è nella lista dei 14 vini italiani che rientrano nella protezione di 100 marchi europei a denominazione da parte del governo cinese. Tra i prodotti a marchio infatti che rientrano nell'accordo europeo Pechino-Bruxelles, quattordici sono i vini italiani e tra questi solo tre toscani, tra i quali il Vino Nobile di Montepulciano. Questi prodotti godranno di una particolare attenzione e protezione contro imitazioni e falsi da parte del governo centrale di Pechino che si impegnerà a girare la vite sui controlli interni, agevolando il mercato e le azioni di promozione relative ai prodotti inseriti nella lista.

 

Una ottima notizia per la Docg toscana, all'indomani della Prowein di Shanghai dove il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano sarà tra le denominazioni italiane protagoniste, dal 12 al 14 novembre prossimi. Del resto questo successo non è casuale e fa seguito a una serie di azioni legali per la registrazione e protezione del marchio a livello internazionale che il Consorzio ha intrapreso in tutto il mondo a partire dagli anni '90. «Un successo che è frutto di un lavoro di concertazione che ci ha visti impegnati in questi anni - spiega il presidente del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, Andrea Rossi - e il risultato dimostra in maniera chiara come solo tenendo unita una denominazione, che in questo caso è rappresentata dal nostro Consorzio, si può competere ed essere tutelati all'interno di un sistema internazionale dove la globalizzazione rischia sempre di più di indebolire marchi storici come il nostro e come quelli inseriti in questa lista».

Il riconoscimento da parte di Pechino delle prime indicazioni geografiche europee rappresenta una grande opportunità per quelle eccellenze alimentari italiane come il Vino Nobile di Montepulciano, ma anche un importante riconoscimento, da parte del più grande mercato di consumatori al mondo, della tradizione e della qualità dei prodotti agroalimentari italiani ed europei. Questo accordo deriva dal "progetto-test" Ue-Cina, avviato qualche anno fa, che prevedeva inizialmente il riconoscimento di 10 denominazione d'origine e indicazioni geografiche da parte di Pechino e di altrettanti alimenti di qualità d'origine cinesi da parte di Bruxelles. Il completamento del progetto ha portato a 100 i prodotti nella lista, di questi come detto 14 sono vini italiani.

Il traguardo è sempre più importante considerato che il Vino Nobile in Cina, e in generale nei paesi asiatici, ha visto un incremento delle presenze notevole toccando quota 10% (solo nel 2010 era sul 3%). L'export d'altronde rappresenta per il Vino Nobile di Montepulciano uno sbocco importante con una quota dell'80 per cento di prodotto, con una torta divisa a metà tra Europa e paesi extra Ue. La Germania continua ad essere il primo mercato del Nobile con il 44% della quota esportazioni. Il secondo Paese di riferimento è quello degli Stati Uniti che segnano ancora una crescita rispetto al precedente anno arrivando nel 2018 arrivando a rappresentare il 22% dell'export del Vino Nobile di Montepulciano.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Vino d'Autore!

Galleria Fotografica

rank:

News e attualità

News e attualità

Montefalco. Splash mob, uniti sul web per un grande brindisi virtuale

UN GRANDE BRINDISI VIRTUALE: I PRODUTTORI E LE ISTITUZIONI DI MONTEFALCO UNITI SUL WEB CON UNA BOTTIGLIA DI SAGRANTINO DOMENICA 22 MARZO (ORE 19.30) LO "SPLASH MOB": "UN MOMENTO DI SOCIALITA' A DISTANZA PER LANCIARE UN SEGNALE DI VITALITA' E SPERANZA PER IL COMPARTO VITIVINICOLO" MONTEFALCO (PERUGIA)...

News e attualità

Anteprima Vino Nobile di Montepulciano: oltre 3 mila presenze in Fortezza

Sold out ristoranti e hotel del territorio: l'evento che fa partire il turismo in anticipo Si chiude con un successo di partecipazione la prima parte dell'Anteprima del Vino Nobile di Montepulciano, quella dedicata agli operatori e agli appassionati, che con la giornata di lunedì 17 febbraio ha segnato...

News e attualità

SANNIO FALANGHINA 2019, PASSAGGIO DI TESTIMONE AD ARANDA DE DUERO 2020

Ad un anno dalla proclamazione della Città europea del Vino, cala il sipario sulla manifestazione che ha acceso i riflettori sulla Falanghina del Sannio e sul territorio beneventano. La cerimonia di chiusura di Sannio FalanghinaEuropean Wine City 2019 - con il passaggio di testimone alla spagnola Aranda...

News e attualità

Rimini. I vini della cantina San Valentino tra i migliori al mondo

I vini della cantina San Valentino, azienda sulle colline riminesi che produce circa 140mila bottiglie l'anno, promossi a pieni voti dai guru del settore, Robert Parker e James Suckling. I duecritici enologici statunitensi, tra i più influenti del mondo, hanno infatti assaggiato e valutato i classici...

Vigne Irpine a Santa Paolina i grandi vini della provincia di Avellino