Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 12 giorni fa S. Eligio vescovo

Date rapide

Oggi: 1 dicembre

Ieri: 30 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Vino d'Autore - Il Magazine del VinoVino d'Autore Costiera Amalfitana

Il Magazine del Vino

Hotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - GourmetAmalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Vino d'Autore

Hotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - GourmetAmalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi

Tu sei qui: News e attualitàNuovo DPCM: «Baristi ancora capro espiatorio per il Governo centrale»

News e attualità

L'Istituto Espresso Italiano prende posizione sul nuovo decreto per le misure restrittive anti-Covid che impone ancora norme severe per ristorazione e bar, mentre zone di grave pericolo, come i trasporti pubblici, sono quasi ignorate

Nuovo DPCM: «Baristi ancora capro espiatorio per il Governo centrale»

Luigi Morello (presidente IEI): «Bar e ristoranti che rispettano le normative sono luoghi molto più sicuri di posti pubblici, come i trasporti, che ogni giorno ancora sono sovraffollati»

Scritto da (Massimiliano D'Uva), venerdì 30 ottobre 2020 11:17:39

Ultimo aggiornamento venerdì 30 ottobre 2020 11:17:39

L'Istituto Espresso Italiano (IEI) è rammaricato nel constatare l'accanimento da parte del governo nei confronti della categoria degli operatori dell'ospitalità. I sacrifici e gli investimenti fatti dagli imprenditori per mettere in sicurezza i locali sono resi vani da questo nuovo Dpcm, che mette a rischio la sopravvivenza di alcune decine di migliaia dei 350.000 locali pubblici. «Dov'è il razionale nel chiudere luoghi regolamentati come bar, ristoranti, cinema e teatri e poi far viaggiare la gente in autobus e metropolitane in condizioni di sovraffollamento? - sottolinea Luigi Morello, presidente IEI - L'economia ha bisogno di certezze mentre qui si parla di ingenti misure di sostegno ma sempre in modo vago sia in termini di entità sia di tempistiche. Inoltre, perché non si riconosce il valore sociale, oltre a quello economico, dei luoghi di consumo come i bar e i ristoranti?».

L'Istituto Espresso Italiano (IEI) è sorpreso dalle modalità con cui si è proceduto a emanare le nuove direttive. La collaborazione tra associazioni di categoria e autorità sembra essere stata accantonata. «Avevamo collaborato con piacere al tavolo nazionale gestito dalla Prefettura di Brescia per riaprire le attività al termine del primo lockdown - ha continuato Morello - era stato un momento utile anche per preparare noi stessi alla riapertura, ora invece assistiamo a una comunicazione unidirezionale».

 

L'Istituto Espresso Italiano. L'Istituto Espresso Italiano (Iei), di cui fanno parte torrefattori, costruttori di macchine per caffè e macinadosatori e altre aziende della filiera, tutela e promuove la cultura dell'espresso e del cappuccino italiani di qualità. Oggi conta 37 aziende aderenti con un fatturato aggregato di circa 700 milioni di euro. Maggiori info: www.inei.coffee.

Galleria Fotografica

rank:

News e attualità

News e attualità

Alberi, non parole: a Montepulciano nasce il bosco piantato dai viticoltori

Prende il nome del progetto che dal 2019 il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano ha portato avanti con alcuni partner. "Alberi, non parole" quindi, da oggi, giovedì 18 novembre, è ufficialmente il nome del bosco che è nato negli spazi antistanti l'ingresso degli Ospedali Riuniti della Valdichiana...

News e attualità

Sangiovese e Nebbiolo: i vitigni star del vino italiano in Cina

Icon Italy, a dicembre, si pone come evento per sfondare nel mercato locale Alta acidità, tannino marcato, molto astringente in bocca. Così molti consumatori cinesi descrivono il vino italiano e queste sono anche alcune delle principali difficoltà che spiegano il perché dall'Italia arrivi in Cina solo...

News e attualità

Vino Nobile di Montepulciano: contenzioso vinto sull’Abruzzo

"Non immettere sul mercato ulteriori bottiglie recanti l'etichetta contestata, sostituire l'etichetta contestata nelle bottiglie non ancora immesse in commercio e distruggere le etichette in suo possesso; eliminare la dicitura dal proprio sito internet e dalla pubblicità in generale nonché a non utilizzare...

News e attualità

Icon Italy: la Cina riapre le porte al mercato dei vini italiani

La Cina torna a spingere il vino italiano e riparte da uno degli eventi di maggior successo degli ultimi anni: "Icon Italy". Si svolgerà infatti a novembre il "roadshow" che porterà letteralmente a spasso per le principali città cinesi le grandi cantine italiane. Per la prima volta tuttavia, parteciperanno...

Vigne Irpine a Santa Paolina i grandi vini della provincia di Avellino