Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Abruzzo Chieti, Pescara e Teramo Schiavi di Abruzzo

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Schiavi di Abruzzo

Descrizione

Piccolo comune della provincia di Chieti, situato al confine con il Molise, il territorio di Schiavi d'Abruzzo fu abitato sin dalle epoche più remote dai Sanniti, come attesta il ritrovamento dei c.d. templi italici nella frazione Taverna. Il toponimo, invece, deriverebbe dalla circostanza che il borgo nacque come colonia di slavi; in epoca normanna divenne feudo di Roberto da Sclavo. Menzionato per la prima volta in una bolla di papa Nicola II nel 1059, dal 1285 al 1816 fece parte del Regno delle Due Sicilie, infeudato per quasi due secoli ai Caracciolo di Santo Buono.
Schiavi d'Abruzzo ha mantenuto quasi intatto il suo impianto urbanistico di matrice medievale e rinascimentale.
Attrazioni:
- i c.d. Templi Italici o Santuario sannitico, scoperto intorno alla metà del XIX secolo, ma riportato alla luce solo un secolo più tardi. Fu eretto in due fasi: la prima, corrispondente al tempio maggiore, si colloca tra la fine del III e l'inizio del II sec. a.C; la seconda, corrispondente alla costruzione del tempio minore, all'inizio del I sec. a.C.. I due templi sorgono su un'area terrazzata: il tempio maggiore, che si erge al di sopra di un alto podio, presenta all'interno la gradinata di accesso che porta al livello del portico, delimitato da quattro colonne con capitelli ionici. Il secondo edificio, più piccolo e parallelo al primo, non dispone di un podio, ma è anche esso dotato di un portico con quattro colonne che precede la cella; all'interno presenta un pavimento ben conservato con un'iscrizione in lingua osca in tessere bianche ed il nome del costruttore, G. Papiis (con buona probabilità si tratterebbe di Gaio Paio Mutilo, uno dei più famosi capi sanniti della guerra sannitica).
- la Chiesa di San Maurizio, risalente al XVI secolo ed ampliata nel corso del XIX secolo. La facciata è in conci di pietra in stile neoclassico, mentre all'interno spiccano pregevoli opere di artisti locali.
- i resti del Monastero di Santa Maria in Valle Rotana, di cui si ha notizia sin dall'XI secolo, è frequentemente menzionata in bolle papali e diplomi imperiali.
- il borgo fortificato con case-mura dalle possenti mura a scarpa e, all'interno, archi e sottoportici;
- la passeggiata panoramica di Monte Pizzuto; recenti scavi effettuati alle pendici del Monte Pizzuto hanno portato alla luce una buona quantità di reperti appartenenti alla tarda Età del Bronzo.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 7.642 volte.

Carrello Contatti

Clicca sull'icona del carrello per creare una lista di strutture da contattare.

Scegli la lingua

italiano

english