Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Abruzzo Chieti, Pescara e Teramo Guardiagrele

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Guardiagrele

Descrizione

E' un comune della provincia di Chieti, situato ai piedi del massiccio della Majella ed è sede del Parco Nazionale della Majella. Fu definito da Gabriele D'Annunzio la "terrazza d'Abruzzo", per il suggestivo panorama che spazia sino alle acque dell'Adriatico. Guardiagrele affonda le sue radici già in epoca romana con l'insediamento chiamato "AElion". Ben presto, però, l'antico sito fu gradualmente abbandonato per essere sostituito da uno più riparato. La nuova entità urbana ebbe vita autonoma probabilmente dalla metà del XII secolo quando avvenne l'incastellamento, dal quale nacque Guardiagrele.
Da Guardiagrele si possono effettuare piacevoli escursioni all'interno del Parco Nazionale della Majella, nelle località Piana delle Mele, Valle delle Monache, Cascata San Giovanni e Bocca di Valle dove in una grotta decorata con le maioliche di Basilio e Tommaso Cascella, sono custodite le spoglie di Andrea Bafile, eroe della prima guerra mondiale. Di particolare interesse la visita alle botteghe artigiane del rame, del ferro battuto, della ceramica e dell'oreficeria.

Tra i siti di maggior interesse, menzioniamo:
- la Chiesa di Santa Maria Maggiore, interamente costruita con pietre della Majella; la facciata è quasi completamente occupata dal campanile quadrangolare del XIII secolo alla cui base si apre uno splendido portale ogivale degli inizi del Quattrocento. L'interno, risultante dall'accorpamento con un'altra chiesa del XV secolo, ha un ambiente unico molto ampio e rimaneggiato nel tempo; di gusto baracco, conserva un bel pulpito in noce intagliato del XVIII secolo e, soprattutto, il ricco e prezioso tesoro che si fregia del capolavoro di Nicola da Guardiagrele: la Croce, mirabilmente lavorata da questo insigne artista nel 1431.
- la Chiesa di San Nicola di Bari, realizzata là dove un tempo sorgeva un tempio pagano dedicato a Giove. E' caratterizzato da un campanile squadrato agli angoli da conci in pietra della Majella.
- la Chiesa di San Francesco, risalente al XIV secolo, con facciata a coronamento orizzontale e portale romanico-gotico;
- la cinquecentesca Chiesa di San Rocco, con pregevoli arredi barocchi.
- le necropoli in località Comino;
- le torri di avvistamento (Torre San Pietro, Torre Orsini e Torre Adriana);
- il Museo Civico;
- il Museo Archeologico.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 16.468 volte.

Carrello Contatti

Clicca sull'icona del carrello per creare una lista di strutture da contattare.

Scegli la lingua

italiano

english